Nell’Est dell’Ucraina. Una visione (russa) del conflitto nel Donbass
25 Apr 2022
di Nikolay Mitrokhin

Per giustificare l’invasione dell’Ucraina, Mosca sta riscrivendo la storia del conflitto nel Donbass dal 2014. In questo articolo, scritto nei primissimi giorni dell’attuale conflitto e che quindi non tiene conto degli sviluppi successivi, Nikolay Mitrokhin denuncia il ruolo centrale del Cremlino in questo scontro, così come i saccheggi e il terrore organizzati dalle forze “filorusse”. (Red)

Alcuni dei miei amici di Facebook stanno discutendo abbastanza seriamente lo slogan di Putin “Loro [la popolazione civile russa del Donbass] sono stati sotto il fuoco dell’artiglieria per otto anni”… Tra questi amici, non tutti erano abbastanza vecchi da seguire le notizie nel 2014, e altri potrebbero aver semplicemente dimenticato (se ne erano a conoscenza) quanto segue.

Non esiste un “popolo del Donbass”

Non esiste un “popolo del Donbass”. Si tratta di una costruzione ideologica  introdotta con forza dalla propaganda del Cremlino nella coscienza dei russi e degli ucraini a partire dal 2014. Inoltre, otto anni dopo, le due entità amministrative relativamente piccole che dovrebbero rappresentare questo progetto globale rimangono divise, separate da posti di controllo della dogana e della polizia. La popolazione delle due regioni amministrative ucraine di Donetsk e Luhansk/Lugansk era inizialmente estremamente composita. La sua identità era plurale, con simpatie filo-ucraine (piuttosto forti nel nord di Lugansk e nelle regioni occidentali e meridionali di Donetsk) e simpatie filorusse nelle città minerarie e industriali e nella popolazione rurale (cosacca) della regione meridionale di Lugansk. Inoltre, prima dell’inizio dei combattimenti nel Donbass, il desiderio reale di riunificazione con la Federazione Russa o di federalizzazione di queste regioni era condiviso da circa un terzo della popolazione di questa regione; un altro terzo era a favore di una più stretta integrazione con la Russia, e il restante terzo del mantenimento dello status quo. L’attivismo filorusso si è così concentrato in una parte della regione, mentre era assente nelle altre, dove le autorità ucraine e poi l’esercito hanno incontrato il sostegno locale (ad esempio a Debaltseve/Debaltsevo). Lo pseudo-referendum sulla creazione delle “repubbliche popolari” si è tenuto in un vuoto di potere, e solo in una parte delle località (principalmente nell’agglomerato di Donetsk) in un numero molto ridotto dei consueti seggi elettorali. Non si sa quanta parte della popolazione abbia effettivamente votato; nessuna verifica esterna dei risultati ha avuto luogo né era prevista.

Nessuna “rivolta popolare”

Non c’è stata nessuna “rivolta popolare” in questa regione. L’affluenza massima registrata a una manifestazione filorussa a Donetsk (una città con quasi un milione di abitanti) è stata dell’ordine di 30-35’000 persone; il numero massimo di persone che hanno preso parte all’assalto degli edifici amministrativi, e poi hanno partecipato ai battaglioni della “milizia popolare” ha raggiunto al massimo le 1’500-2’000 persone nelle grandi città. Inoltre, una parte significativa di queste persone, se non la maggioranza, era costituita dai membri di bande armate provenienti da piccole città (come il gruppo “Stakhanov”, l’ideatore dello “stato” di Lugansk), o da cittadini della Federazione Russa che avevano iniziato ad affluire per minare lo stato ucraino già nel febbraio 2014 (come molti dei futuri “capi armati sul campo”). Ma fino a giugno-luglio 2014, le autorità ucraine sono rimaste presenti nella maggior parte delle città del Donbass, attraverso le municipalità e i sindaci, parallelamente all’attività di gruppi che si definivano come rappresentanti di “repubbliche popolari”.

I combattimenti militari nel Donbass sono iniziati su iniziativa della Federazione Russa, che ha armato e ha permesso di attraversare il confine al “Battaglione di Crimea” del tenente colonnello in pensione dell’FSB (il servizio segreto russo) Igor Guirkin (o Girkin), uno specialista prima in questioni “cecene” e poi “ucraine”, noto anche con lo pseudonimo “Strelkov” (dal russo стрелок = il cecchino). Il battaglione era significativamente composto da ex membri delle forze speciali della Direzione generale di intelligence (GRU) e di altre unità di combattimento specializzate dell’esercito russo addestrate in “attività di diversione” (cioè terroristiche). Guirkin non era un normale ufficiale dell’FSB. Era strettamente legato all’underground militante e terroristico dei nazionalisti russi in armi (anche, indirettamente, con il gruppo terroristico neonazista BORN, acronimo russo per “Organizzazione di combattimento dei nazionalisti russi”) e ai “black diggers” (gli scavatori neri) del mercato illegale delle armi. Ha anche moderato un forum online dedicato a questi argomenti. È stato ancora Guirkine che, dopo l’assalto agli edifici amministrativi della città di Sloviansk/Slaviansk il 12 aprile 2014, ha iniziato gli scontri militari con le forze dell’ordine e poi con l’esercito ucraino. Ha iniziato sparando colpi a sorpresa contro gli ufficiali del Servizio di sicurezza ucraino (SBU) che erano arrivati per fare il punto della situazione in città.

Il fuoco di artiglieria su Sloviansk è iniziato dopo che Guirkin ha usato un mortaio semovente “Nona” preso dall’esercito ucraino per bombardare le posizioni nemiche ucraine. A questo scopo, il Nona (e più tardi altre armi portate in città, alcune catturate dall’esercito ucraino, altre fornite dall’esercito russo) hanno sparato dalle zone residenziali della città. I tentativi di distruggerla hanno provocato il lancio di proiettili contro edifici residenziali e la distruzione. Ma i residenti che vivevano lì hanno avuto tutto il tempo di evacuare verso il lato ucraino o quello “filorusso”, anche con il trasporto pubblico.

Tralascio (data la portata degli eventi in loco: per amore di rapidità) tutto il periodo della guerra dall’estate del 2014 all’inizio del 2015, durante il quale l’esercito ucraino ha cercato di liberare il suo territorio da unità (e anzi spesso bande) di “comandanti di campo armati” che vi affluivano da tutta l’ex URSS, e anche da lontani paesi stranieri. Hanno cercato di utilizzare il tessuto urbano per causare il massimo danno all’esercito ucraino, e di infliggere il minor danno possibile a sé stessi. Guirkine ha persino suggerito, secondo il suo allora alleato Alexander Zaharčenko (1976-2018, primo ministro e presidente della Repubblica di Donetsk, DNR, tra il 2014 e il 2018, fino alla sua morte in un attentato a Donetsk), di far saltare gli edifici a più piani all’ingresso di Donetsk, per rendere più facile la difesa delle loro posizioni. Più tardi, gli attivisti che indagavano sugli attentati a Mosca e in altre città russe nel 1999 hanno trovato una somiglianza innegabile tra l’identikit del terrorista che ha piazzato sacchetti di RDX in un edificio a Ryazan e il ritratto di Guirkin, diventato popolare nel 2014. Nel 1999, Guirkin era un ufficiale dell’FSB che combatteva il terrorismo jihadista salafita nel Caucaso del Nord – prima in Daghestan, poi in Cecenia – quindi questa teoria è attraente, anche se non è stata verificata finora.

Saccheggio e terrore

Infine, su ciò che è successo dopo che i combattimenti più intensi sono cessati all’inizio del 2015. Sì, l’esercito ucraino e le “milizie del popolo” delle “repubbliche popolari” controllate dalla Russia si sono scambiati periodicamente il fuoco dell’artiglieria. Poiché, per la maggior parte del tempo, il confine tra loro seguiva esattamente i confini degli insediamenti di Donetsk e Luhansk (da non confondere con i confini delle regioni amministrative), cioè era tra le dense aree urbane sotto il controllo delle due “repubbliche di Donetsk e Lugansk” (d’ora in poi indicate con le loro iniziali in russo: DNR e LNR) e le periferie e i campi sotto il controllo del governo ucraino (che, non dimentichiamolo, controllava i due terzi del territorio di ogni regione amministrativa), il fuoco inviato dai quartieri urbani si è tradotto in “risposte” ai luoghi da cui aveva avuto origine. A loro volta, proiettili di artiglieria e razzi dalle “repubbliche popolari” spesso “atterravano” nelle città e nei villaggi occupati dall’Ucraina. Oltre al famigerato bombardamento delle zone residenziali di Mariupol e Kramatorsk (durante il periodo dei combattimenti 2014-2015) da parte dei razzi (russi), anche Avdeyevka (la prima città a ovest di Donetsk occupata dall’esercito ucraino), Stanytsia Luhanska (sobborgo nord di Lugansk, controllato dall’Ucraina), Mariupol e altre città sono state costantemente colpite dopo il 2015.

Tuttavia, questi bombardamenti non erano molto intensi. Ed entrambe le parti hanno preso di mira principalmente i militari, piuttosto che sparare indiscriminatamente. Quindi, durante i combattimenti, le persone nelle zone del fronte che per qualche motivo non potevano o non volevano evacuare “si sedevano nelle cantine”. Ma il 98% degli abitanti stava “vivendo una vita normale”, secondo le “autorità” della DNR e della LNR (insieme: LDNR), quando in realtà nel 2014-2015 avevano subito saccheggi e terrore dalle stesse nuove autorità sostenute dalla Russia. La presa di questa parte dell’Ucraina da parte di bande criminali travestite da forze di “autodifesa del popolo” ha portato alla più grande rapina nella storia post-sovietica. Tutti i cittadini benestanti hanno avuto i loro soldi, le loro auto e le loro case confiscate dai “comandanti di campo armati”, molti di loro e i loro parenti sono stati portati nelle “cantine”, scantinati insalubri dove sono stati torturati e umiliati in attesa che i loro parenti riscuotessero i soldi del riscatto. Non tutte le vite sono state salvate, tutt’altro (e molti hanno perso la salute). Chi è interessato può cercare su Google la storia della più sanguinosa delle bande: “СССР-Брянка” (la USSR-Bryanka, un’unità speciale per controllare le retrovie della NRL), ma era solo una delle decine di formazioni di questo tipo, la maggior parte delle quali non esiste più. In effetti, molti “comandanti di campo armati” e combattenti sono morti a Donetsk per mano dei loro compagni d’armi e alleati, e solo nel 2017 la situazione è tornata, relativamente, alla normalità, cioè limitata alla frantumazione di qualsiasi opposizione politica e al continuo rancore e uccisione nella spartizione del bottino fondato sulla “verticale del potere”. (1)

Tre persone in particolare non hanno partecipato alle celebrazioni per il riconoscimento della Repubblica Popolare di Lugansk da parte della Federazione Russa: i suoi primi tre capi di stato. Ufficialmente, Gennady Tsypkalov si è impiccato in una cella a Lugansk nel 2016; Valery Bolotov è morto di infarto a Mosca nel 2017; e Igor Plotnitsky si è dimesso dall’incarico nel 2017. Ufficiosamente, Tsypkalov è stato strangolato, Bolotov avvelenato durante una riunione con l’ex presidente del Parlamento della Repubblica Popolare, Plotnitsky rimosso dalla carica con un colpo di stato armato. È stato arrestato in Russia e non se ne è più saputo nulla.

Per conto, vi ha presenziato l’attuale capo della Repubblica Popolare di Lugansk, in carica dal 2017, il colonnello in pensione dei servizi di sicurezza ucraini Leonid Pasechnik. Pasechnik ha trascorso l’intero periodo delle ostilità nel 2014 nei territori controllati dall’Ucraina, e ha deciso di fare carriera nella Repubblica Popolare solo dall’ottobre 2021. La situazione dei recenti leader della Repubblica Popolare di Donetsk è terribilmente simile: mafiosi su cui il Cremlino ha fatto affidamento nel tentativo di alimentare l’immagine di una “rivolta popolare” nel Donbass, molti dei quali morti con la stessa violenza con cui hanno vissuto. Tutti hanno fatto del loro meglio per distruggersi a vicenda nei cinque anni dalla nascita di questa zona senza legge nell’Ucraina orientale.

Durante questo periodo, l’economia della LDNR si è di fatto deteriorata proprio a causa del controllo russo. I diritti dei proprietari non sono stati protetti, la loro proprietà è stata estorta e poi ridistribuita non tra i poveri, ma tra i colpevoli. Le fabbriche e le strutture che una volta rendevano orgogliose queste regioni sono state fatte a pezzi e rispedite in Russia quasi gratuitamente, ai lavoratori delle fabbriche rimanenti non sono stati pagati i loro miseri stipendi per sei mesi, e tutti gli scarsi profitti di questo territorio, un tempo prospero, sono andati nelle mani di funzionari e oligarchi di Mosca. Almeno un terzo della popolazione (forse anche la metà) ha lasciato il territorio verso l’Ucraina o la la Russia perché era diventato di fatto insicuro vivere lì – non a causa dei bombardamenti, ma per le atrocità dei vincitori e la mancanza di una vita economica normale.

È un pretesto bello e buono affermare, come fa Putin, che è necessario proteggere la popolazione di questa regione. La vera domanda è: proteggerla da chi?

* Nikolay Mitrokhin è ricercatore presso l’Università di Brema. Il suo attuale progetto di ricerca è rivolto allo studio dei diversi gruppi ideologici all’interno di Russia e Ucraina dopo il 2012. Attualmente sta fornendo aggiornamenti in tempo reale sulla guerra in Ucraina in russo su Facebook e Telegram. Questo testo, inizialmente pubblicato su Facebook in russo il 28 febbraio 2022, è già stato tradotto in inglese in una versione arricchita dall’autore. La traduzione in italiano, rivista dal segretariato MPS, è stata elaborata a partire dalla versione francese apparsa sul sito https://laviedesidees.fr/

1.Slogan fondamentale, che illustra la politica di Vladimir Putin, “la verticale del potere” è una delle migliori sintesi del funzionamento del sistema politico russo e delle sue ambiguità. Grazie a un potente partito filo-presidenziale, Russia Unita, il capo di stato russo è ora a capo di una macchina che garantisce maggioranze, controllo degli eletti e rinnovo del personale politico. Tuttavia, la costruzione di un sistema unipersonale al vertice dello Stato, unita alla stretta integrazione delle diverse fonti di potere in un’unica verticale, è anche la principale fragilità di un regime di cui il minimo cambiamento potrebbe mettere in pericolo la totalità. (da “La verticale du pouvoir, force et faiblesse de la Russie de Vladimir Poutine” di Clémentine Fauconnier)

Qui sotto alcuni dei vessilli utilizzati nelle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk dalle forze russe o filorusse.